Buona notizia per incentivare gli affitti commerciali per l’anno 2019 dalla Legge di Bilancio 30 dicembre 2018, n. 145 – art.59 cedolare secca

Finalmente il regime fiscale agevolato della cedolare secca è stato esteso anche alle locazioni di immobili per uso diverso da quello abitativo, al fine di favorire l’incremento del commercio.

Ti trovi in: Home / News / Buona notizia per incentivare gli affitti commerciali per l’anno 2019 dalla Legge di Bilancio 30 dicembre 2018, n. 145 – art.59 cedolare secca

Per poter usufruire del beneficio fiscale aliquota al 21% è necessario che:

  • L’immobile oggetto della locazione sia classificato come categoria catastale C/1 (negozi, immobili ad uso commerciale, etc);
  • La superficie dell’immobile non superi la misura di 600 mq, escluse le pertinenze;
  • E’ applicabile solo per i contratti stipulati nel 2019.

Si riporta l’articolo di Legge:

Art. 59.  Il  canone  di  locazione  relativo  ai  contratti   stipulati nell'anno 2019, aventi ad  oggetto  unità  immobiliari  classificate nella categoria  catastale  C/1,  di  superficie  fino  a  600  metri quadrati, escluse le pertinenze,  e  le  relative  pertinenze  locate congiuntamente, può, in alternativa  rispetto  al  regime  ordinario vigente per la tassazione del reddito fondiario ai fini  dell'imposta sul reddito delle persone  fisiche,  essere  assoggettato  al  regime della cedolare secca, di cui all'articolo 3 del  decreto  legislativo 14 marzo 2011, n. 23, con l'aliquota del 21 per  cento.  Tale  regime non è applicabile ai contratti  stipulati  nell'anno  2019,  qualora

alla data del 15 ottobre 2018  risulti  in  corso  un  contratto  non scaduto, tra i medesimi soggetti e per lo stesso immobile, interrotto anticipatamente rispetto alla scadenza naturale.

 

Commenti
Nessuno, autenticati e commenta questo articolo.