Ti trovi in: Home / Blog
Affitto Certificato è utile per gli inquilini che hanno necessità di avere una referenza certificata
Sei un inquilino? Vuoi essere facilitato nella conclusione del tuo prossimo contratto di affitto?
Blog - Domenica 24 febbraio 2019

Ottieni gratuitamente con Affitto Certificato una buona referenza dal tuo ex locatore o da quello attuale!
Iscriviti gratuitamente ed invita il tuo precedente locatore o quello attuale a registrare il contratto di locazione sulla nostra piattaforma, e a rilasciarti una referenza .

Iscriviti gratis e scopri di più!

Registrati ora!

Ordinanza Corte di Cassazione n.32934 del 20/12/2018
Locazione immobiliare ad uso abitativo effetti dell’ omessa registrazione del contratto e quelli della tardiva registrazione - sanatoria con efficacia retroattiva con alcuni limiti.
Blog - Giovedì 21 febbraio 2019

L’ordinanza richiama l’art. 1, comma 346, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, secondo cui «i contratti di locazione, o che comunque costituiscono diritti relativi di godimento, di unità immobiliari ovvero di loro porzioni, comunque stipulati, sono nulli se, ricorrendone i presupposti, essi non sono registrati», norma applicabile a tutti i contratti di locazione, indipendentemente dall'uso abitativo o meno cui l'immobile sia destinato. Sono state invece dichiarate incostituzionali per eccesso di delega, le disposizioni, relative alle sole locazioni ad uso abitativo, di cui ai commi 8 e 9 dell'art. 3 del d.lgs. 14 marzo 2011, n. 2 che prevedevano che dalla mancata registrazione «entro il termine di legge»  derivassero conseguenze invalidanti per effetto delle quali sorgeva un diverso rapporto locativo, legalmente determinato quanto a durata e misura del canone.

Il caso concreto trattato dal Tribunale e dalla Corte di merito interessava il caso di una registrazione di contratto effettuata tardivamente

La sanatoria per intervenuta registrazione, sia pure successiva, non può all'evidenza sanare la nullità del contratto di locazione anche per il periodo di durata dello stesso non indicato nel contratto di locazione successivamente registrato e cioè dal 5 novembre 2011 al 31 agosto 2012. Si precisa al riguardo che in tale atto era stata indicata come data di inizio della locazione quella del 1° settembre 2012 mentre il contratto di locazione era stato effettivamente concluso nel novembre 2011, come allegato concordemente dalle parti nei vari gradi di giudizio di merito.

Buona notizia per incentivare gli affitti commerciali per l’anno 2019 dalla Legge di Bilancio 30 dicembre 2018, n. 145 – art.59 cedolare secca
Finalmente il regime fiscale agevolato della cedolare secca è stato esteso anche alle locazioni di immobili per uso diverso da quello abitativo, al fine di favorire l’incremento del commercio.
Blog - Lunedì 18 febbraio 2019

Per poter usufruire del beneficio fiscale aliquota al 21% è necessario che:

  • L’immobile oggetto della locazione sia classificato come categoria catastale C/1 (negozi, immobili ad uso commerciale, etc);
  • La superficie dell’immobile non superi la misura di 600 mq, escluse le pertinenze;
  • E’ applicabile solo per i contratti stipulati nel 2019.

Si riporta l’articolo di Legge:

Art. 59.  Il  canone  di  locazione  relativo  ai  contratti   stipulati nell'anno 2019, aventi ad  oggetto  unità  immobiliari  classificate nella categoria  catastale  C/1,  di  superficie  fino  a  600  metri quadrati, escluse le pertinenze,  e  le  relative  pertinenze  locate congiuntamente, può, in alternativa  rispetto  al  regime  ordinario vigente per la tassazione del reddito fondiario ai fini  dell'imposta sul reddito delle persone  fisiche,  essere  assoggettato  al  regime della cedolare secca, di cui all'articolo 3 del  decreto  legislativo 14 marzo 2011, n. 23, con l'aliquota del 21 per  cento.  Tale  regime non è applicabile ai contratti  stipulati  nell'anno  2019,  qualora

alla data del 15 ottobre 2018  risulti  in  corso  un  contratto  non scaduto, tra i medesimi soggetti e per lo stesso immobile, interrotto anticipatamente rispetto alla scadenza naturale.

 

Perché è importante registrare il contratto di locazione sulla nostra piattaforma
Registrando il contratto potrai rilasciare un feedback sul rapporto di locazione e sul tuo inquilino.
Blog - Sabato 16 febbraio 2019

Registra il tuo contratto di locazione sulla nostra piattaforma, al termine del rapporto potrai lasciare un feedback sul tuo inquilino.
Affitto Certificato® è un sistema di selezione dell'inquilino affidabile ed una piattaforma digitale di condivisione di informazioni relative ai rapporti di locazione tra proprietari, inquilini ed agenzie immobiliari.

Il cuore della piattaforma è costituito da un sistema di rating pensato per aiutare i proprietari a selezionare gli inquilini più affidabili a cui locare i propri immobili, ridurre i rischi relativi al mancato pagamento del canone di locazione ed in generale ridurre i rischi derivanti dalla mancanza di informazioni relative al comportamento passato dei potenziali inquilini.

Per sfruttare al massimo le potenzialità preventive e deterrenti del sistema Affitto Certificato®, registra sempre i tuoi contratti di locazione su questa piattaforma.

Iscriviti gratis e scopri di più! 

Novità nell'ambito delle locazioni commerciali in merito al riconoscimento dell'indennità per la perdita di avviamento.
In materia di locazione ad uso diverso da quello abitativo, anche quando il contratto abbia ad oggetto immobili interni e/o complementari a Centri Commerciali deve essere riconosciuta l’indennità per la perdita dell’avviamento commerciale, quando sono presenti i presupposti ex art. 34 della legge n. 392 del 1978 Sentenza Cassazione Civile n. 18748 del 23 settembre 2016
Blog - Sabato 16 febbraio 2019

La questione in esame è sorta a seguito di uno sfratto per finita locazione intimato dalla società proprietaria dei fondi commerciali siti all’interno di un grande centro commerciale ad una piccola lavanderia.

Il conduttore della lavanderia si era visto negare dalla società proprietaria del fondo locato, il riconoscimento dell’indennità per la perdita dell’avviamento commerciale pari a diciotto mensilità del canone di locazione, sul presupposto del c.d. “avviamento parassitario” , che si verifica laddove la clientela non è il prodotto dell’attività del conduttore, ma è un riflesso della peculiare collocazione dell’immobile all’interno di un complesso ampio in cui utenti garantiscono un flusso stabile della domanda.

La Corte, con specifico riferimento all’attività di lavanderia, ha  invece ritenuto che l’indennità di perdita di avviamento commerciale sia dovuta, in quanto non pare possibile ipotizzare un contatto puramente casuale con la clientela del centro commerciale, se solo si considera che il cliente si rivolge appositamente alla lavanderia, portando con sé gli indumenti o quanto altro intenda far lavare. La lavanderia ha dunque una clientela propria ancorché condivisa con altri esercizi del Centro commerciale, che la sceglie e che continua a sceglierla, per l’effetto dell’attività prestata, e quando si sia creato quel rapporto di fiducia e di gradimento commerciale che induce il cliente a continuare ad utilizzarla e che integra, per l’appunto, l’avviamento.

Come si valuta un potenziale inquilino?
Alcune informazioni sull’inquilino che è meglio conoscere prima di stipulare un contratto di locazione.
Blog - Venerdì 15 febbraio 2019

Quando si affida il proprio immobile ad un soggetto che non conosciamo personalmente, per evitare “brutte sorprese”, è sempre meglio effettuare alcune verifiche rispondendo a queste domande:

  • Il potenziale inquilino ha delle referenze provenienti da procedenti proprietari (locatori) che hanno avuto un rapporto di locazione con lui e che possono confermare che si è comportato correttamente in buona fede e che ha sempre corrisposto in modo puntuale il canone di locazione?
  • Il potenziale inquilino ha segnalazioni negative nella banca dati dei soggetti protestati?
  • Il potenziale inquilino ha segnalazioni negative / pregiudizievoli sulla banca dati della conservatoria dei registri immobiliari (pignoramenti, sequestri, ipoteche giudiziali, etc)?
  • Il potenziale inquilino ha un reddito?

  

La risposta a queste domande su un potenziale inquilino interessato a prendere in affitto il tuo immobile le puoi trovare su https://www.affittocertificato.it/

 

Se sei un inquilino e vuoi ottenere in modo completamente gratuito delle referenze dai tuoi precedenti locatori (proprietari), iscriviti gratuitamente a questo indirizzo https://www.affittocertificato.it/registrazione_inquilino.html

La banca dati dei buoni inquilini!
Stai cercando inquilini referenziati?
Blog - Venerdì 15 febbraio 2019

Quando decidi di affittare il tuo immobile affida il mandato ad una agenzia che dispone del servizio Affitto Certificato, per conoscere in anticipo il passato del tuo prossimo inquilino!

 
Cosa ci differenzia dagli altri sistemi di verifica?
Affitto Certificato non si limita ad una semplice verifica delle banche dati ufficiali, ma consente la selezione dell’inquilino, accertando la sua buona fede nel momento in cui gli viene chiesta l'iscrizione nella piattaforma.
Blog - Venerdì 15 febbraio 2019

Per questo motivo, per sfruttare al massimo le potenzialità preventive e deterrenti del sistema Affitto Certificato®, è consigliato registrare sempre i contratti di locazione  su questa piattaforma.

L'efficacia di selezione del “buon inquilino”, infatti, la si ottiene oltre che attraverso la verifica del nominativo nel nostro database, anche nel momento della richiesta di registrazione del contratto di locazione sulla nostra piattaforma. L'inquilino in buona fede accetterà la registrazione, l’inquilino che si prefigura di non adempiere al contratto, difficilmente accetterà di registrare il suo contratto di locazione sul sistema “Affitto Certificato®”, proprio per il timore di ottenere un feedback negativo dal proprietario. Quello in buona fede, viceversa, avrà tutto l’interesse a registrare il contrato di locazione per ottenere una buona referenza dal proprietario ed essere agevolato nella conclusione di futuri contratti.

L’inquilino cosa deve pagare?
Quali sono i principali oneri dell'inquilino all'interno del rapporto di locazione
Blog - Domenica 10 febbraio 2019

L’inquilino è tenuto a corrispondere al proprietario il canone di locazione stabilito nel contatto alle scadenze previste. Al momento della stipula del contratto l’inquilino, se previsto da contratto dovrà versare al proprietario (locatore) un deposito cauzionale, generalmente pari a due mensilità.. Tale deposito, che il proprietario dichiara di ricevere con la firma del contratto, non potrà essere imputato nè sul canone nè agli oneri accessori nè ad altro titolo e dovrà essere restituito all’inquilino al termine della locazione, previa verifica dello stato dell’immobile, e fatto salvo l’adempimento di tutti gli obblighi assunti nel contratto da parte dall’inquilino stesso.

 

Se il proprietario opta per la tassazione della locazione con cedolare secca, l’inquilino non sarà obbligato a pagare l’incremento annuale Istat di rivalutazione del canone di locazione.

 

Le riparazioni ordinarie di cui all’art. 1576 C.C. (Mantenimento della cosa in buono stato locativo) e 1609 C.C. (Piccole riparazioni a carico dell’inquilino) sono generalmente poste a carico dell’inquilino così come ogni altra relativa agli impianti e ai servizi inerenti l’immobile locato.

 

Sono a carico dell’inquilino le spese inerenti ai consumi di acqua, gas, luce che sono stati volturati a a nome dell’inquilino dopo la stipula del contratto del. Sono interamente a carico dell’inquilino  le spese condominiali relative alla ordinaria amministrazione. La tassa comunale di smaltimento dei rifiuti solidi urbani è a carico e dovrà essere corrisposta direttamente dall’inquilino per tutto il periodo della locazione

Affitto Certificato
Il partner per le Agenzie Immobiliari
Blog - Domenica 10 giugno 2018
I titolari di Agenzie Immobiliari possono iscriversi gratuitamente al network “Affitto Certificato” ed ottenere interessanti ricavi commissionali dalla vendita del servizio ai propri clienti.

Iscriviti adesso
../uploaded_files/attachments/201710141508001706/jobs_background_copia.jpg

Scopri le 3 tutele per il proprietario di casa che intende affittare il proprio immobile

 

Scopri